Amazon nomina il libro biografia di Steve Jobs best-seller del 2011

Amazon ha rilasciato la lista dei migliori 10 libri più venduti dell’anno; in cima alla lista la biografia autorizzata di Steve Jobs, divulgata appena due mesi fa. “Steve Jobs” è stato scritto da Walter Isaacson, che ha anche scritto le biografie di Albert Einstein e Benjamin Franklin. Il libro è stato rilasciato il 24 ottobre 2011, 19 giorni dopo la morte dell’ex CEO di Apple. Il libro di 656 pagine, contiene oltre 40 interviste con Jobs nel corso di un biennio, così come le interviste con la famiglia, colleghi di lavoro, amici e concorrenti. Sul podio dei libri più venduti seguono “Bossypants” di Tina Fey e “A stolen life” di Jaycee Dugard. Nella top 10 dei libri, con grande entusiasmo da parte di Amazon, compaiono anche per la prima volt due libri rivolti all’ebook reader Kindle, segno che la gente sta iniziando ad abituarsi alla lettura dei libri sui dispositivi elettronici.


Nel quarto trimestre spediti oltre 3,9 milioni di tablet Kindle Fire

Probabilmente Amazon non rivelerà presto il venduto del Kindle Fire, intanto la società di ricerca iSuppli ha postato un nuovo rapporto nel quale sostiene che il tablet nel quarto trimestre del 2011 ha venduto 3,9 milioni di unità. Se la notizia venisse confermata, significherebbe che il Fire balzerebbe al secondo posto dei dispositivi tablet più venduti al mondo, sbaragliando altri concorrenti come il Samsung Galaxy Tab, il Motorola Xoom e il Playbook Blackberry. Uno dei grandi successi del tablet è sicuramente dovuto al prezzo, $199. Sempre secondo iSuppli, nel 2011 il tablet di Amazon registrerà un venduto pari a 64,7 milioni di unità, con un aumento decisivo rispetto ai soli 17,4 milioni di esemplari commercializzati nel 2010.


Giorno del Ringraziamento e Black Friday molto redditizio per Apple e Amazon

CNN ha dato la sorprendente notizia che l’iPad di Apple e il Kindle di Amazon Kindle hanno fanno il botto di vendita durante il Giorno del Ringraziamento e il Blak Friday, nella fattispecie registrando rispettivamente ai medesimi giorni dell’anno scorso un aumento del 39,3% e de 24,3%. Questo è quanto emerge da un’indagine svolta da IBM Coremetrics. L’analista Gene Munster di Piper Jaffray ha trascorso il Black Friday all’interno di un Apple Retail Store, analizzando le vendite, una pratica che svolge dal 2008 e che se può non avere rilevanza scientifica, comunque dà una buona metrica per quanto riguarda l’andazzo delle vendite. Nelle otto ore trascorse nello store, ha riscontrato che l’iPad è stato venduto ad un tasso di 14,8 esemplari l’ora, con la vendita di Mac a un tasso del 10,1 all’ora (un aumento del 68 per cento delle vendite iPad rispetto allo scorso anno).
Anche per Amazon ottime notizie: il Black Friday è stato il giorno più importante delle vendite di sempre per la linea di Kindle; molti acquirenti del prodotto ne hanno acquistato più di uno, probabilmente come regalo da fare per Natale.

Amazon lavora a uno smartphone Kindle?

Jeff Bezos, fondatore e Chief Executive Officer di Amazon.com, potrebbe aver in mente di produrre uno smartphone targato Amazon dopo che il suo eReader Kindle ha iniziato a vendere bene. Questa settimana l’azienda ha pubblicato il suo primo tablet, Kindle Fire, e ora, secondo quanto pubblicato da AllthingsD.com, l’azienda potrebbe presto lanciare il suo smartphone. La notizia troverebbe fondamento su una nota emessa dal dipartimento di ricerca di Citigroup, che afferma: “crediamo che uno Smartphone Amazon sarà lanciato nel quarto trimestre 2012″. Il rapporto aggiunge che il telefono dovrebbe essere dotato di processore OMAP 4 di Texas Instruments. Lo smartphone potrebbe costare tra i $150 e i $170, un prezzo molto basso per fare immediatamente presa sul mercato.

Google Music ufficialmente lanciato negli Stati Uniti

Google Music, l’applicazione che consente agli utenti di acquistare brani musicali direttamente dal proprio dispositivo Android o PC, è finalmente disponibile ed è pronta a sfidare Apple iTunes o il cloud di Amazon. La release beta ha permesso agli utenti di caricare fino a 20.000 canzoni della loro collezione nel cloud, quindi effettuare lo streaming su PC o qualunque dispositivo mobile equipaggiato con Android. Google Music è fondamentalmente un servizio basato sul cloud storage di musica, gli ascoltatori possono sincronizzare automaticamente tutta la libreria musicale tramite clou in tutti i tipi di dispositivi Android e PC. Google ha altresì rilasciato un nuovo negozio di musica nell’Android Market, store completamente integrato con Google Music, che offre oltre 13 milioni di brani di vari artisti. Canzoni o interi album possono essere acquistati direttamente dal PC o da dispositivi Android, le tracce musicali saranno aggiunte alla libreria musicale di Google automaticamente. Il negozio offre musica di artisti associati con diverse etichette come: Sony Music Entertainment, EMI, Universal Music Group, Merge Records, Warp Records, Matador Records, Naxos, Merlin e XL Recordings. Altri artisti molto noti stanno offrendo extra esclusivamente per gli utenti Google Music; ad esempio, i Rolling Stones offriranno un album live chiamato Bruxelles Affair, mai rilasciato in precedenza. Altri artisti offriranno contenuti in esclusiva, è il caso dei Coldplay, Shakira, i Pearl Jam, Busta Rhymes, Dave Matthews Band e Tiësto. L’applicazione può essere scaricata dallo store Android (solo per gli utenti americani) da questo indirizzo

 

RIM acquisisce NewBay per 100 milioni di dollari

Research in Motion, vuole puntare sul cloud e per farlo ha deciso di fare sua la società NewBay (fondata nel 2002), sborsando la bella cifra di 100 milioni di dollari. Secondo quanto riportato da AllThingsD.com, RIM, produttrice del Blackberry e del tablet Playbook, non ha voluto commentare sul perché dell’acquisizione. NewBay ha sviluppato un servizio mobile che consente agli utenti di condividere foto, video e altro grazie al cloud computing. Secondo fonti vicino l’azienda, RIM intende mantenere tutti i dipendenti NewBay (circa 200 persone). Con NewBay, RIM potrebbe offrire ai propri clienti Blackberry un nuovo strumento per lo storage dei propri dati in rete, un’alternativa e un chiaro attacco ad altre aziende che stanno puntando molto sulla tecnologia Cloud, in primis Amazon cloud, che la utilizzerà sul suo Kindle, ed Apple, che tra pochissimi giorni (12 ottobre) lancerà ufficialmente icloud per gli utenti iOS. Secondo alcuni analisti, comunque, la mossa di RIM arriva in ritardo rispetto ad altri, e questo potrebbe essere un ostacolo tedioso da superare. Fonte

Amazon starebbe preparando uno store per App Android

Il più grande rivenditore online del mondo, Amazon.com, sarebbe un procinto di aprire uno store online che metterà in vendita applicazioni per sistemi mobili equipaggiati con Android. Amazon spera così di sfruttare la crescente domanda di giochi, applicazioni di business e per l’intrattenimento digitale, realizzando uno store molto semplice da utilizzare (il Google Android Marketplace è stato giudicato da molti ostico da utilizzare e senza valore aggiunto per gli utenti) che renda molto immediato il download di applicazioni per Android. Si tratta di un mercato che secondo diversi analisti, entro il 2014 potrà contare su un fatturato di 40 miliardi di dollari. Amazon prevede di ricalcare il modello commerciale di Google, trattenendo il 30% degli introiti e fornendo allo sviluppatore il 70% sul venduto. Fonte

Su Amazon puoi comprare il clone Android dell’iPad con schermo da 7″

Su Amazon è in vendita per 123$ un clone cinese dell’iPad, con schermo da 7″ e sistema operativo Android. Il dispositivo è dotato di schermo touchscreen (800×480 pixel), chipset a 550MHz, 2GB di spazio di storage, Wi-fi 802.11 a/b/g e Android 1.7. Questo il link per l’acquisto su Amazon.