Anche le versioni pirata di Windows potranno gratuitamente aggiornarsi a Windows 10

Era già risaputo che Windows 10 sarebbe stato distribuito come aggiornamento gratuito ai possessori di Windows 7 e Windows 8 (per un anno dalla data di rilascio di Windows 10), ma oggi Microsoft ha un po’ lasciato tutti di sasso facendo sapere che sarà possibile aggiornarsi a Windows 10 anche da copie pirata, ovvero anche da coloro che sono sprovvisti di licenza del sistema operativo. Si tratta di una mossa che, quanto pare, almeno inizialmente, sarà rivolta al solo mercato cinese, anche se non c’è nessuna conferma ufficiale e potrebbe estendersi un po’ a tutti i Paesi.

La notizia arriva direttamente da Terry Myerson, dell’Operating Systems Group di Microsoft, in un’intervista rilasciata a Reuters. Myerson ha parlato di “ri-coinvolgere” centinaia di milioni di utenti in Cina e altrove, che eseguono le versioni pirata di Windows.

Con questa mossa la casa di Redmond spera di porre rimedio, o quanto meno contrastare, il dilagante fenomeno della pirateria nel mercato cinese, un’astuta mossa che permetterà a milioni di utenti di utilizzare in modo lecito la prossima super release del sistema operativo.

Commenti