Shazam integra Spotify anche per gli utenti Android

Shazam e Spotify, come già successo lo scorso mese per gli utenti iOS, si coalizzano e integrano Spotify all’interno di Shazam anche per gli utenti Android. Per chi non lo conoscesse, Shazam è un servizio che permette di identificare una canzone proveniente ad esempio da una radio, TV o lettore musicale, individuando oltre al titolo anche l’autore.
Basta avvicinare il microfono del proprio dispositivo mobile alla fonte sonora per catturare un breve campione di una canzone in riproduzione e ottenere dopo pochi secondi il responso. Non solo, altre funzionalità riguardano la possibilità di guardare video musicali su Youtube o condividere le proprie “scoperte musicali” sui social network più blasonati: Twitter, WhatsApp, Google+ e Pinterest o leggere i suggerimenti di canzoni di altri utenti. Una volta individuato il brano Shazam consente all’utente di acquistare il pezzo direttamente da Amazon, Google Play o su iTunes, trattenendo una percentuale dalle vendite dei brani che giungono dall’app.

Di recente il servizio si è evoluto e, oltre alla possibilità di identificare un brano musicale, ha integrato funzioni per ascoltare la canzone direttamente da servizi di streaming come Spotify (ma anche Deezer e Rdio e altri), senza lasciare l’applicazione ma integrando tale caratteristica direttamente nell’app. Chi possiede un account Premium di Spotity può anche salvare i brani e realizzare una personale playlist.

Questa funzionalità è attiva da qualche giorno anche per i possessori di dispositivi Android. Questo il link per il download. Non è stata invece ancora resa attiva per dispositivi Windows Phone 7, Windows Phone 8, Windows Desktop 8, BlackBerry, Nokia/Symbian.

Per Shazam è un momento d’oro, la start-up londinese, che conta 100 milioni di utenti mensili, ha recentemente beneficiato di un finanziamento di 30 milioni di dollari e ora punta a quotarsi in Borsa. Grazie ai nuovi finanziamenti, Shazam si evolverà e dovrebbe puntare a nuovi mercati come show televisivi e film. Diversi rumors parlano addirittura di un interessamento alla società da parte di grossi nomi come Sony Music, Universal Music di Vivendi e Warner Music.

Commenti