Ricordi falsati se cervello sottoposto a stress

Secondo uno studio pubblicato sul magazine scientifico Trends in Cognitive Science, il cervello, se sottoposto a pratiche coercitive, può addurre falsi ricordi. E così, pratiche di torture atte a far scaturire la verità in persone come presunti terroristi, omicidi e via dicendo, potrebbero essere del tutto falsate; lo stato di stress indurrebbe il cervello a proporre all’individuo ricordi di fatti e situazioni mai avvenuti. Lo studio, ha analizzato le metodologie adottate dall’esercito americano per interrogare i sospetti terroristi: privazione del sonno, isolamento, simulazione dell’annegamento.

Commenti